I Re Magi a Milano

I Re Magi a Milano

11:21 , 6 gennaio 2014 0
Posted in: articoli

Il corteo con cui Milano celebra l’Epifania ha una lunga tradizione che risale ai tempi dei Visconti quando alla celebrazione partecipavano anche animali esotici, personaggi in costume e a cavallo. L’odierna rappresentazione, che si articola tra via Torino, la basilica di San Lorenzo e si conclude a Sant’Eustorgio si ripete ormai dal 1962. La vicinanza di Milano ai Magi ha però radici ben più profonde che risalgono al IV d.c. quando nel 326 l’imperatrice Elena, madre di Costantino I, durante un pellegrinaggio a Gerusalemme ritrovò i resti dei Magi e li trasferì a Costantinopoli. La storia lascia supporre che siano stati i crociati a portarli in seguito a Milano ma la leggenda racconta che il trasferimento sia opera di Eustorgio, un greco inviato nella nostra città per ricoprire il ruolo di governatore e successivamente eletto vescovo, a bordo di un carro trainato da due mucche.

remagi-660_1

Il viaggio fu alquanto travagliato tra vicissitudini varie e assalti dei lupi. Arrivato alle porte di Milano il carro divenne straordinariamente pesante ed Eustorgio vide in questo un segno, decise quindi di fermarsi e di far costruire in quel luogo una chiesa dove poter dare sepoltura alle reliquie, l’attuale Sant’Eustorgio. I resti dei Re Magi rimasero al proprio posto fino a quando, a metà del XII secolo, Federico Barbarossa li donò al suo cancelliere, Rainaldo arcivescovo di Colonia che li trasferì in Germania, lasciando a Milano solo una medaglia che si dice essere coniata con l’oro portato in dono dai Re, e che ancora oggi viene esposta al termine della processione evocativa. Nei secoli seguenti molti Papi cercarono di riportare in Italia i resti trafugati ma senza fortuna, fino a quando agli inizi del 1900 il cardinale Andrea Ferrari riuscì ad ottenere la restituzione di due fibule, una tibia ed una vertebra che si trovano ancora oggi all’interno della basilica in un’urna di bronzo, accanto all’antico sarcofago che riporta la scritta “Sepulcrum Trium Magorum”. A Milano restano quindi pochi resti, un enorme sepolcro e la stella a otto punte che campeggia sul campanile di Sant’Eustorgio a testimonianza del forte legame che la nostra città ha con i tre Re.

 Piazza Sant’Eustorgio 1, 20122 Milano

 

Share!

Related Posts

Comments are closed.